Visitare Oia è un po’ come attraversare un bazar a cielo aperto, o essere dentro un suggestivo quadro dalle tinte vive e calde come nelle tele di Turner o Constable. Le due vie principali che attraversano la città sono parallele e si intersecano arrivando alla Rocca, dove si trovano le rovine di un’antica fortezza costruita presumibilmente dai veneziani.

Non perdetevi l’incredibile panorama che si gode dalla Caldera di Oia, quando guardando davanti a se si può scrutare con un solo colpo d’occhio l’intero emiciclo fino al Faro, a guardia dell’altro capo dell’Isola, e si può osservare la conformazione caratteristica della roccia puntellata di case bianche con i tetti blu o rossi.

Scendendo i 300 gradini che collegano la città alta al porto di Ammoudi ci si trova direttamente sul mare, da dove partono e attraccano le navi e i pescherecci per le escursioni al cratere e all’isola di Thirassia, dirimpettaia, un piccolo paradiso naturale abitato da pochi pescatori e meta sorprendente per un pranzo con i piedi nel mare gustando prelibati spiedi di pesce freschissimo.

E non dimenticate che Oia è famosa in tutto il mondo per il suo tramonto!

Published by Redazione EasySantorini

Freelance curiosa e appassionata di cronaca, viaggi, tecnologia e cucina a km0, sempre alla ricerca di notizie! Ho una passione sfrenata per le isole greche, per il mio territorio e per l’humour graphic. Nata e cresciuta (lavorativamente parlando!) nel mondo della comunicazione, sono passata dalla carta stampata al web fino ad atterrare sui social, ma non sono mancate incursioni nel mondo dell'ecommerce e del digital marketing. Da piccola sognavo di andare alle Olimpiadi con la nazionale di pallavolo, poi ho capito che “non esiste un sogno perpetuo. Ogni sogno cede il posto ad un sogno nuovo” (Hermann Hesse).

2 thoughts on “Oia, la città perfetta

  1. Viene voglia di partire subito alla scoperta di questa terra da sogno.. Secondo te quanti giorni sono necessari per un viaggetto rilassante e culturale, che sia anche pancia-friendly? 😉
    Grazie!

    1. Ciao!
      L’isola è piccina, quindi anche chi ha poco tempo può girarla comodamente. Io avevo noleggiato un cinquantino e dalla punta del Faro a Oia ci avrò messo un’oretta andando comodamente. In tanti scelgono di passare qualche giorno a Santorini se magari stanno facendo un tour delle isole, ma io consiglio almeno una settimana: c’è tutto il tmepo di godersi il mare, i paesini caratteristici, il cibo delizioso e i locali mozzafiato sulla Caldera!
      a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *